Scarlino

Il Borgo

La prima citazione di Scarlino nella documentazione scritta risale al 973 (d.C.). In realtà, gli scavi archeologici condotti sulla rocca, ora non più visibili, hanno portato alla luce numerose tracce di insediamenti precedenti.

Il primo nucleo abitativo risale alla tarda età del Bronzo (XII-X secolo. a.C.), ed era costituito da un piccolo nucleo di capanne.

Dopo un lungo abbandono, l’area sommitale tornò ad essere abitata in epoca etrusca (VII e VI secolo a.C.). In questo periodo vennero costruiti dei forni fusori per la riduzione del ferro e una fortezza per il controllo del golfo di Follonica. In età romana il sito fu nuovamente abbandonato, per tornare poi ad essere occupato in pianta stabile nell’alto Medioevo.

Verso la fine del X secolo (d.C.) le capanne altomedievali lasciarono il posto ad abitazioni costruite con tecniche edilizie più complesse.

Tra l’XI e il XII secolo l’insediamento subì un notevole rinnovamento urbanistico. I nuovi edifici vennero costruiti usando conci ben squadrati posti in filari orizzontali, tenuti insieme con leganti migliori.
Non è un caso dunque che la prima menzione della rocca, anno 1108, sia ascrivibile proprio a questi due secoli.

Durante la seconda metà del XII secolo, le lotte per il controllo della rocca si inasprirono ulteriormente. Gli attori che facevano parte della contesa erano il Comune di Pisa, i signori locali e il vescovo di Grosseto, il quale vantava antichi diritti sul castello.

In questo conteso, Scarlino era ormai divenuto un popoloso centro fortificato, sede di poteri signorili forti e di una comunità rurale molto attiva. Nel 1162, come indicato dal diploma di Federica Barbarossa, Scarlino era formalmente all’interno del contado pisano. Tuttavia, la rocca era ancora sotto il controllo di un ramo della famiglia Alberti (nota fin dal XI secolo).

Nel corso del XIII secolo, il potere di Pisa si affermò definitivamente su Scarlino, andando così a soppiantare i diritti che gli Alberti vantavano sul territorio. Da questo momento in poi Scarlino rimase sotto il dominio pisano fino al 1398, quando entrò a far parte dei possedimenti degli Appiani.

Il Territorio di: